CONSOLIDAMENTO STRUTTURALE

Consolidamento strutturale

Tremoviter è specializzata in opere di consolidamento strutturale di edifici già esistenti, con la necessità di modificare o ripristinare la struttura portante. In questi casi l’intervento di Tremoviter include la progettazione, le prove di carico e l’esecuzione dell’opera chiavi in mano, con interventi collaudati e comprovati da decenni di esperienza nel settore, sia in Italia che in Francia.

Il consolidamento strutturale può significare un intervento dovuto alla necessità di intervento dovuto a cedimento delle fondazioni per dissesto geologico o per interventi non conformi sulla struttura dell’edificio. In questi casi la tipologia di  intervento è sempre progettata su misura e sulla richiesta del committente, che talune volte comprende anche la conservazione delle facciate esistenti.

Il consolidamento strutturale avviene generalmente per il recupero o la modifica di una struttura esistente o nel caso di richiesta di sopraelevazioni (innalzamento del livello di fondazioni), o di costruzioni di garage, di piani  interrati, o in generale di sottomurazioni. Più in generale Tremoviter ha realizzato opere di consolidamento strutturale specificatamente per differenti problematiche. Sfogliate la gallery di seguito per scoprire alcuni nostri interventi.

Modifiche fondamenta

Le case di cui è disseminata la nostra costa di Ponente stanno rivivendo un nuovo rinvigorito interesse, data l’amenità climatica ed un inserimento gradevole nel contesto collinare, anche grazie alle nuove tecniche e soluzioni costruttive.
Tipico è un caso del nostro portafoglio lavori, di una bella casa monofamigliare nel comune di Cervo (IM) la cui costruzione non risalente a vecchia data essendo già la struttura in C.A., è stata adattata attraverso modifiche delle fondamenta a nuove esigenze abitative comprendendo nuovi spazi quali la cantina, il ripostiglio, la lavanderia, il garage ed una distribuzione delle unità abitative mirata allo stile di vita personale del proprietario, tutte cose queste che se pochi decenni fa assumevano l’etichetta di lusso o stravaganza, in oggi rivestono carattere di esigenza e necessità. ( vedi foto 1) Le foto N° 2 e 3, il cui assemblaggio distorce l’immagine quadrangolare, mostrano le fasi di ricostruzione ed allungamento del pilastro centrale.

LEGGI TUTTO

Il lavoro si svolge utilizzando una coppia di martinetti idraulici poggianti su due piastre d’acciaio che sostituiscono provvisoriamente il plinto interessato, e tramite due spinotti posti trasversalmente al trave in alto, i martinetti assumono la funzione di puntoni potendo scaricare il peso della costruzione dal plinto. Si esegue il taglio del pilastro immediatamente sopra il plinto e con l’ausilio di un miniescavatore si procede alla demolizione del plinto stesso ed alla realizzazione del piano di posa a quota ribassata del nuovo plinto; infine si esegue il tronco  di pilastro di collegamento. I vincoli ambientali cui giustamente è sottoposta la nostra regione, giocoforza impongono le attuande modifiche solo agli interni ed in sottosuolo: tutto bene fino a  quando non vengono interessate le strutture portanti. tra il nuovo plinto ed il vecchio pilastro. In presenza di strutture particolarmente pesanti o di terreni plastici su cui poggiano i nuovi plinti, nel getto del nuovo plinto viene inserito  oltre la normale gabbia di armatura in ferro, un martinetto meccanico a perdere il quale dopo una breve stagionatura del calcestruzzo viene messo sottocarico per compensare rapidamente i cedimenti della fondazione prima di collegare  questa al sovrastante pilastro e neutralizzare così anche i più piccoli movimenti di assestamento del corpo fabbricato.

Quanto costa un tirante

Con il termine generico di “tirante” vengono denotati numerosi prodotti specifici: per questo motivo la domanda ricorrente: “Quanto costa un tirante?” non ha molto senso per noi (equivarrebbe a chiedere a un venditore di automobili “Quanto costa una macchina?”). Pertanto ci auguriamo per il futuro di venire interpellati non tanto per rispondere alle domande su “Quanto costa?” ma per trovare la giusta applicazione del prodotto più idoneo per la risoluzione del problema specifico; non è riducendo un servizio o un prodotto a mero “quantum” monetario che se ne valuta la qualità. Altrimenti, con questo metro valutativo, sarebbe di certo conveniente regredire ai metodi edificatori in semplice pietra, che sono senz’altro economici ma primitivi, e che restano ben al di qua degli attuali ed elaborati studi di settore

Piastre decorative per tiranti

per informazioni

Call Now ButtonChiama Ora